Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Salerno
SEGRETERIA TEL. 089241388
FAX 0892574357
La ricerca della veritŕ. E' ora che ci poniamo la domanda: qual'č lo scopo del processo. In tutti i campi della giurisdizione. Dal civile all'amministrativo. In campo tributario, ed infine - in quello che č all'attenzione di tutti - nel settore penale. Le parti che si scontrano nel processo, in qualunque processo, si scontrano per fa valere una propria posizione di diritto, secondo regole prestabilite dall'ordinamento. Il cittadino percepisce piů facilmente il concetto di processo a parti contrapposte, se si parla di cause civili, o anche amministrative e tributarie. C'č una pretesa, un credito,...
WEB MAIL
13.02.2008 * E' INIZIATA L'ATTIVITA' DELL'UNIONE REGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DELLA CAMPANIA. L'AVV. AMERICO MONTERA ELETTO VICE PRESIDENTE.
Sezioni: PRIMA FILA
Autore Enrico Tortolani
Data di pubblicazione 13/02/2008
"Finalmente l'Avvocatura campana ha la sua casa. Sono stato tra i primi a credere in questo progetto". Americo Montera è soddisfatto del risultato, per cui ha lavorato insieme a tutto il gruppo dei promotori. Ampio risalto anche sulla stampa nazionale, con il mensile "Il Den" allegato all'ultimo numero di Panorama.


I Consigli degli Ordini dei due distretti di Corte d'Appello della Campania hanno costituito l'Unione regionale tra i fori, assumendo la denominazione di Unione regionale dei Consigli degli Ordini degli avvocati della Campania.
Il presidente eletto è Franco Tortorano, il quale ha posto con chiarezza gli obiettivi di questo nuovo organismo che, "ferma restando la totale autonomia di ciascun Ordine, persegue una comune linea politica in rapporto con le istituzioni e nel coordinamento delle attività di formazione".
Ai fini del proseguimento degli scopi istituzionali, come si legge nello Statuto, l'Unione regionale può, infatti, nominare Commissioni di studio, composte dagli avvocati iscritti agli albi dei Consigli dell'Ordine, organizzare congressi, convegni, corsi di preparazione e di aggiornamento, nonchè assumere iniziative di utilità, anche economica e d'interesse per gli iscritti, così come può partecipare e promuovere attività culturali, scientifiche e di centri studio.
L'Unione Regionale avrà sede a Torre del Greco, lì dove è nata, presso Villa Enrico de Nicola.
Nel segno dell'esempio del primo presidente della Repubblica italiana, anch'egli iscritto all'Ordine degli avvocati e principe del foro partenopeo, parte questa nuova iniziativa che dimostra, in primis, la volontĂ  da parte dell'avvocatura di guardare innanzitutto all'unitĂ .
Accanto al Presidente, Avv. Tortorano, che ha lasciato la guida dell'Ordine degli avvocati di Napoli, c'è quale Vice, L'Avv. Americo Montera, riconfermato il mese scorso al vertice del Consiglio di Salerno.

Il nuovo organismo si riunirĂ  in seduta ordinaria ogni bimestre, oppure, in seduta straordinaria nel caso si debbano affrontare questioni d'urgenza.
Le riunioni saranno aperte, senza diritto di voto, a tutti gli iscritti degli Ordini che partecipano all'Unione regionale, nonchè a tutti gli altri Ordini forensi italiani.
Compongono questo nuovo organismo i Consigli degli Ordini degli avvocati di Napoli, Salerno, Santa Maria Capua Vetere, Nola, Torre Annunziata, Avellino, Benevento, Ariano Irpino, Sant'Angelo dei Lombardi, Nocera Inferiore, Sala Consilina e Vallo della Lucania.
Fra i Consigli coinvolti, l'Unione regionale, inoltre, promuoverà la consultazione su temi e problemi di carattere professionale, così da poter assumere, sempre nel rispetto dell'autonomia di ciascun Consiglio, deliberazioni e decisioni che consentano l'unità negli indirizzi e nei progetti.

Di seguito riportiamo il testo integrale dello statuto del nuovo organismo.

***

Statuto dell'Unione regionale dei consigli dell'Ordine degli Avvocati della Campania
1. I Consigli dell'Ordine degli avvocati di Napoli, Salerno, Santa Maria Capua Vetere, Nola, Torre Annunziata, Avellino, Benevento, Ariano Irpino, S . Angelo dei Lombardi, Nocera Inferiore, Sal a Consilina, Vallo della Lucania, hanno costituito l'unione regionale tra i fori che assume la denominazione di UNIONE REGIONALE DEI CONSIGLI DELL'ORDINE DELLA CAMPANIA
2. L'Unione Regionale promuove fra i Consigli che ne fanno parte la consultazione su temi e problemi di interesse professionale o che comunque possano riguardare interessi generali degl i iscritti, al fine di assumere intese e deliberazioni che consentano unitĂ  di indirizzi e di progetto ne l rispetto dell'autonomia e delle competenze istituzionali dei singoli Consigli .
3. L'Unione Regionale ha sede in Torre del Greco alla via Tiranella Villa Enrico De Nicola n° messa a disposizione dal Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Torre Annunziata .
4. I Consigli dell'Ordine membri dell'Unione Regionale vi partecipano attraverso il loro President e in carica o da altro Consigliere espressamente delegato a sostituirlo. Fanno parte di diritto dell'Unione, con voto consultivo, i rappresentanti dei Distretti della Corte d i Appello di Napoli e Salerno presso il Consiglio Nazionale Forense e presso la Cassa Nazional e Previdenza e Assistenza Avvocati .
5. L'Unione Regionale designa, mediante elezione a maggioranza qualificata di 2/3 degli aventi diritto al voto, il Presidente con poteri di rappresentarla ad ogni effetto previsto dal presente statuto.
Con eguale procedimento vengono designati due Vice Presidenti, il Segretario, il Tesoriere e du e consiglieri con specifiche funzioni organizzative. Gli eletti costituiscono l'Ufficio della Presidenza che resta in carica per un triennio . Per la costituzione dell'Ufficio di Presidenza ogni Consiglio dell'Ordine può proporre un solo candidato e deve essere rispettata, alla scadenza del triennio, la rotazione nella designazione degli incarichi. Nella prima riunione dell'Unione Regionale si procederà alla designazione delle cariche di cui a i commi 1 e 2 .
6. L' Unione Regionale si riunisce in seduta ordinaria ogni bimestre o in seduta straordinaria in cas o di urgenza . La riunione è presieduta dal decano dei Presidenti dei Consigli dell'Ordine che partecipan o all'Unione Regionale. Le riunioni dell'Unione Regionale avranno luogo, di norma, nella sede dell'Unione Regionale, salvo variazioni per ragioni di opportunità. Le riunioni sono aperte, senza diritto di voto, agli iscritti degli Ordini che partecipano all'Union e Regionale nonchè degli altri Ordini Forensi Italiani . In casi eccezionali ed espressamente indicati nella convocazione dell'ordine del giorno, la riunion e rimane riservata ai soli aventi diritto di cui al capo 4 del presente statuto.
7. Le convocazioni, su ordine del giorno predisposto dal Presidente, sentito l'Ufficio di Presidenza, devono pervenire ai destinatari almeno dieci giorni prima del giorno fissato per la riunione . Nei cinque giorni successivi, al ricevimento della convocazione, i Presidenti degli Ordini posson o chiedere al Presidente dell'Unione che siano aggiunti ulteriori argomenti all'ordine del giorno. In caso di urgenza il Presidente, senza il rispetto del termine di cui sopra, convoca la riunione anch e telefonicamente attestando personalmente l'avvenuta convocazione, ovvero a mezzo fax o co n l'utilizzo di altro sistema informatico .
8. Le delibere dell' Unione Regionale sono assunte a maggioranza semplice, tenendo conto de l numero degli iscritti di ciascun Consiglio dell'Ordine ai quali vengono attribuiti i seguenti voti:
- fino a 1 .000 iscritti voti 1 ;
- da 1 .001 a 2.000 iscritti voti 2 ;
- da 2.001 a 5 .000 iscritti voti 3 ; oltre 5.001 iscritti voti 6.
7. Nella prima riunione di ogni anno l'Unione Regionale delibera le linee programmatiche di attivit à ed approva i bilanci annuali preventivo e consuntivo . In tale seduta l'Unione Regionale delibera altresì l'entità dei contributi ordinari annui dovuti dai var i Ordini rappresentati in ragione del numero degli iscritti, salva sempre la determinazione successiv a di contributi straordinari che si rendessero necessari. La erogazione di contributi a favore di singoli o di enti è deliberata nella riunione dell'Union e Regionale e viene eseguita dal Presidente e dal Tesoriere . In caso di urgenza le indicate erogazioni vengono disposte dall'Ufficio di Presidenza ed eseguite dal Presidente e dal Tesoriere .
8. Ai fini del perseguimento degli scopi istituzionali, l'Unione Regionale può nominar e Commissioni di studio, composte da avvocati iscritti agli albi dei Consigli dell'Ordine ch e partecipano all'Unione Regionale, organizzare o concorrere ad organizzare congressi e/o convegni , corsi di preparazione e di aggiornamento, assumere iniziative di utilità anche economica e d i interesse per gli iscritti, promuovere o partecipare ad attività culturali, scientifiche e centri di studi .
9. L'Unione Regionale cura inoltre la instaurazione di rapporti con i Consigli dell'Ordine di altri Distretti di Corte d'Appello, con altre Unioni Regionali o interregionali nonchè Istituzioni ed Enti .
10. La durata dell'Unione Regionale è fissata in un triennio e si rinnova automaticamente, salvo il diritto per ogni Consiglio dell'Ordine di ritirare la propria adesione mediante una comunicazione scritta diretta al Presidente dell'Unione Regionale entro giorni novanta prima della scadenza di ciascun triennio.
11. Il presente statuto potrĂ  essere modificato con deliberazioni assunte con la maggioranza d i almeno 2/3 degli aventi diritto al voto, sempre con attribuzione di voti ai singoli rappresentanti dei Consigli, ai sensi del precedente articolo 6.
© 2012 Ordine Avvocati Salerno - Tutti i diritti riservati - P.Iva/C.F. 00000000000 CCIAA Salerno - Powered by ViaDeiMercanti